Una piccola storia di un grande argomento . Leader

Le persone hanno parlato di leadership dai tempi di Platone. Ma nelle organizzazioni di tutto il mondo – nei conglomerati di dinosauri e nelle start-up della new economy – emerge la stessa lamentela: non abbiamo abbastanza leadership.

Dobbiamo chiederci, perché siamo così ossessionati dalla leadership?

Una risposta è che esiste una crisi di fede nel mondo moderno che affonda le sue radici nella rivoluzione razionalista del diciottesimo secolo. Durante l’Illuminismo, filosofi come Voltaire sostenevano che attraverso l’applicazione della sola ragione, le persone potessero controllare il loro destino. Ciò ha segnato una svolta incredibilmente ottimistica nella storia del mondo. Nel diciannovesimo secolo, due credenze derivavano da questa nozione razionalista: una credenza nel progresso e una credenza nella perfettibilità dell’uomo. Ciò ha prodotto una visione del mondo ancora più rosea di prima. Fu solo alla fine del diciannovesimo secolo, con gli scritti di Sigmund Freud e poi di Max Weber, che apparvero le fessure dell’armatura. Questi due pensatori hanno distrutto la credenza dell’uomo occidentale nella razionalità e nel progresso. L’attuale ricerca di leadership è una diretta conseguenza del loro lavoro.

Il fondatore della psicoanalisi, Freud teorizzò che al di sotto della superficie della mente razionale c’era l’inconscio. Supponeva che l’inconscio fosse responsabile di una buona parte del comportamento umano. Anche Weber, il critico principale di Marx e un brillante sociologo, ha esplorato i limiti della ragione. In effetti, per lui, la forza più distruttiva che operava nelle istituzioni era qualcosa che chiamava razionalità tecnica, cioè razionalità senza moralità.

Per Weber, la razionalità tecnica era incarnata in una particolare forma organizzativa: la burocrazia. Le burocrazie, ha detto, erano spaventose non per le loro inefficienze, ma per la loro efficienza e la loro capacità di disumanizzare le persone. I tragici romanzi di Franz Kafka portano la dura testimonianza degli effetti debilitanti della burocrazia. Ancora più agghiacciante è stata la testimonianza del luogotenente di Hitler, Adolf Eichmann, secondo cui “ero solo un bravo burocrate”. Weber riteneva che l’unico potere che potesse resistere alla burocratizzazione fosse la leadership carismatica. Ma anche questo ha un record molto misto nel ventesimo secolo. Sebbene ci siano stati leader ispiratori e trasformatori durante la guerra, ci sono stati anche leader carismatici come Hitler, Stalin e Mao Tse-tung che hanno commesso orrende atrocità.

Entro il ventesimo secolo, c’era molto scetticismo riguardo al potere della ragione e alla capacità dell’uomo di progredire continuamente. Così, sia per ragioni pragmatiche che filosofiche, iniziò a svilupparsi un intenso interesse per il concetto di leadership. E infatti, negli anni ’20, iniziò la prima seria ricerca. La prima teoria della teoria della leadership ha tentato di identificare le caratteristiche comuni dei leader efficaci. A tal fine, i leader sono stati soppesati, misurati e sottoposti a una serie di test psicologici. Ma nessuno poteva identificare cosa avevano in comune i capi efficaci. La teoria dei tratti cadde in disgrazia poco dopo che costosi studi conclusero che i leader efficaci erano alti o al di sopra della media.

La teoria dei tratti fu sostituita dalla teoria dello stile negli anni ’40, principalmente negli Stati Uniti. Uno stile di leadership particolare è stato individuato come il più potenziale. Era uno stile di leadership democratico e ben conosciuto, e migliaia di dirigenti americani furono inviati a corsi di formazione per imparare come comportarsi in questo modo. C’era solo un inconveniente. La teoria stava essenzialmente catturando lo spirito dell’America di FDR, aperto, democratico e meritocratico. E così quando il McCarthyism e la Guerra Fredda superarono il New Deal, fu richiesto uno stile completamente nuovo. All’improvviso, tutti furono incoraggiati a comportarsi come un guerriero della Guerra Fredda! Il povero dirigente era completamente confuso.

Il pensiero di leadership recente è dominato dalla teoria della contingenza, che afferma che la leadership dipende da una particolare situazione. Questo è fondamentalmente vero, ma dato che ci sono infinite contingenze nella vita, ci sono infinite varietà di leadership. Ancora una volta, l’esecutivo assediato alla ricerca di un modello per aiutarlo è irrimediabilmente perso.

Per questo articolo, abbiamo saccheggiato tutte le teorie sulla leadership per venire a galla con le quattro qualità essenziali della leadership. Come Weber, guardiamo alla leadership che è principalmente antibureaucratica e carismatica. Dalla teoria dei tratti, abbiamo derivato le qualità delle debolezze e delle differenze. A differenza dei teorici dei tratti originali, tuttavia, non crediamo che tutti i leader abbiano le stesse debolezze; la nostra ricerca ha mostrato solo che tutti i leader espongono alcuni difetti. La dura empatia derivava dalla teoria dello stile, che considerava diversi tipi di relazioni tra i leader e i loro seguaci. Infine, la teoria del contesto ha posto le basi per aver bisogno di sapere quali abilità usare in varie circostanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share